Tutorial – Scenari per wargames

Giocare su un tavolo piatto senza alcun tipo di ostacolo non è certamente qualcosa che farà appassionare chi si avvicina per la prima volta a un gioco di miniature. Ecco come movimentare il proprio campo di battaglia usando materiale di recupero e un po’ di polistirolo.

Per realizzare i nostri scenari tutto quello di cui avremo bisogno sono polistirolo (meglio quello utilizzato per l’isolamento termico, più compatto di quello bianco), colla vinilica, sabbia, qualche sassolino e gli imballi di cartone che si possono trovare nelle scatole di dispositivi elettronici, giocattoli o suppellettili varie. Volendo è possibile aggiungere dettagli come barili, luci, piccoli rottami e altro provenienti dalla scatola di pezzi avanzati dai vari kit di montaggio.

Tutorial_Scenari_apre

Il primo passo consiste nell’individuare quanto polistirolo serve per ospitare le strutture che andremo a creare, nel nostro caso una casermetta e due silo lanciamissili. Utilizzando l’imballo di una stampante (uno dei due laterali che la tengono ferma nella scatola) e due coppe provenienti da una cassetta di meloni (si, proprio quelli che trovate dal fruttivendolo) si traccia sul polistirolo l’ingombro e lo si ritaglia grossolanamente.

Tutorial_Scenari_2

Per farlo abbiamo utilizzato il Politrafor di Amati, un archetto alimentato a batteria dal costo di pochi euro che si può trovare in qualsiasi negozio di modellismo.

Tutorial_Scenari_1

Posizionate le strutture avremo un’idea di come si svilupperà lo scenario.

Tutorial_Scenari_3

Con il Politrafor andremo a tagliare in obliquo i bordi cercando di ottenere un effetto irregolare. Per farlo si può variare l’inclinazione del filo metallico e la profondità del taglio.

Tutorial_Scenari_4

Mano a mano che si procederà si otterrà un effetto come quello nell’immagine seguente.

Tutorial_Scenari_5

terminata la fase di preparazione della base si procederà incollando le strutture con della colla a caldo (per fare prima) o con colla vinilica non prima di averne rifilato i bordi con una forbice.

Tutorial_Scenari_6

La colla a caldo tenderà a far ritirare il polistirolo ma non preoccupatevi, nelle fasi seguenti questo difetto verrà mascherato dalla texture che andremo a dare al nostro scenario.

Tutorial_Scenari_7

Terminata la fase di incollaggio delle strutture e di eventuali altri livelli di terreno si otterrà qualcosa di simile a questo, già sufficiente per essere utilizzato durante le partite tra amici.

Tutorial_Scenari_8

 

Qualche sasso preso sui bordi della strada o in un parco ci aiuterà a movimentare il terreno.

Tutorial_Scenari_9

Con del plasticard (o un qualsiasi altro materiale piatto di nostro gradimento) andremo a chiudere eventuali buchi nel cartone o ricreare porte, feritorie, ecc.

Tutorial_Scenari_11

Proseguendo è il momento di stendere la texture sulla base di polistirolo, ovvero di ricreare l’effetto terra. Per farlo si procederà in più riprese coprendo il polistirolo con colla vinilica sulla quale andremo poi a spargere della comune sabbia (in un negozio di bricolage si trovano sacchi di vario peso a pochissimi euro).

Tutorial_Scenari_12

Per stendere la colla ci aiuteremo con un pennello economico di quelli utilizzati dai bambini per i loro primi esperimenti con le tempere. Lo stesso, una volta terminata questa fase, verrà pulito e riutilizzato per dipingere lo scenario. Finita la stesura di colla e sabbia avremo un risultato simile a questo.

Tutorial_Scenari_13

Il passo successivo consiste nell’aspettare che la colla asciughi (servono circa sei ore per una perfetta asciugatura) aggiungere qualche particolare e ricoprire il tutto con una base di colore nero proveniente da una bomboletta presa in ferramenta. Il solvente presente nella bomboletta andrà a intaccare il polistirolo dandogli un naturale effetto roccioso nelle parti non coperte dalla sabbia.

Tutorial_Scenari_14

Asciugato il fondo si procede a colorare il terreno partendo dalle strutture. Utilizzando la tecnica del pennello asciutto si cominciano a evidenziare le strutture.

Tutorial_Scenari_15

 

Si passa poi al terreno partendo da un marrone scuro fino ad arrivare a un sabbia chiaro.

Tutorial_Scenari_17

 

Si arriva così alla parte più lunga del lavoro, ovvero i dettagli. Qualche tocco di oro metterà in evidenza alcuni particolari mentre per gli oggetti più colorati si comincerà dipingendoli grossolanamente di bianco, un passo necessario per far spiccare i colori che vorremo poi applicare.

Tutorial_Scenari_18

 

Si procede con i dettagli…

Tutorial_Scenari_19

Si stendono i colori definitivi e, una volta asciutti, si procede con un primo lavaggio…

Tutorial_Scenari_21

Altri particolari.

Tutorial_Scenari_24

 

Ancora dettagli…

Tutorial_Scenari_28

 

Terminata al colorazione del terreno, delle strutture, degli oggetti sparsi sul campo e dei particolari si può iniziare a stendere l’erba statica aiutandoci con un applicatore autocostruito.

Tutorial_Scenari_32

Come per la sabbia si procede una zona alla volta…

Tutorial_Scenari_31

Utilizzando sabbia mista a erba si possono ottenere effetti differenti come zone di erba più secca.

Tutorial_Scenari_30

 

Una volta terminata la stesura dell’erba non ci rimane che aspettare l’asciugatura della colla ed eventualmente dare una leggera mano di trasparente opaco per sigillare tutto ed evitare che l’uso faccia scolorire velocemente le parti più a contatto con le mani.

Tutorial_Scenari_29

Questa tecnica può essere utilizzata per realizzare altre tipologie di terreno come quelle che potete vedere nella gallery.

Testo e foto di Alessandro Milini

Un commento su “Tutorial – Scenari per wargames”

  1. I don’t think the title of your article matches the content lol. Just kidding, mainly because I had some doubts after reading the article.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.