Games Workshop – Perdite degli Space Marine

Nel tetro futuro dell’umanità c’è solo guerra…

…e se c’è una guerra, purtroppo, ci saranno delle vittime.
Nel nostro caso le vittime sono gli Space Marines, i paladini dell’umanità in un mondo dominato da Chaos e minacce aliene. Da Games Workshop arriva la riedizione di un vecchio set di miniature in metallo che per molti anni ha permesso la realizzazione di campi di battaglia e diorami decisamente più realistici.

 

Il kit

Perdite_Marine_apre

All’interno della confezione in plastica trasparente troviamo tre sprue, ciascuno dei quali integra uno Space Marine, e tre zaini, uno per ciascuna figura.

Perdite_Marine_trio

Il materiale scelto per la realizzazione dei soggetti è il classico Finecast, una particolare resina grigia che ha diviso, e continua a fare, i giocatori e i pittori in favorevoli e contrari. Per quanto ci riguarda questo materiale ci lascia indifferenti non avendo mai riscontrato grossi problemi sia a livello di dettaglio dei pezzi sia di costruzione. In commercio, purtroppo, si trovano kit decisamente peggiori sotto entrambe i punti di vista.
Ogni sprue è realizzato con cura e si possono notare i numerosi canali che hanno portato la resina all’interno dello stampo. Qualche riserva la esprimiamo sulla qualità della stampata che mostra linee di fusione decise anche se più facilmente eliminabili che sulla plastica con l’uso di lame e carta vetro.

Scultura
La scultura di questi modelli non può certamente dirsi all’altezza di quella degli ultimi capolavori visti in casa GW, soprattutto quelli realizzati da Forge World, ma con una buona pittura l’effetto sarà sicuramente impressionante sul campo. Il set si compone, come abbiamo detto, di tre Space Marine: uno riverso al suolo con il mantello a coprire una gamba e un braccio;

Perdite_Marine_riverso

uno di schiena, morente ma con ancora la forza di imbracciare la pistola,

Perdite_Marine_spara

e un valoroso combattente ormai assunto al cielo, un figlio dell’Imperatore il cui scheletro è custodito, a mo’ di sepolcro, dalla possente armatura che lo ha visto combattere contro tutte le minacce dell’universo di Warhammer 40000.

Perdite_Marine_scheletro
La cura dei dettagli è buona e ogni parte delle miniature rende bene l’idea del combattimento; sparsi qua e la, infatti, troviamo fori di proiettile, tagli, abrasioni e ferite di vario genere. Rispetto agli stampi tradizionali degli Space Marines notiamo che GW ha rilavorato le mani dei suoi modelli andando ad affusolare le dita delle armature che risultano così più lunghe rispetto a quanto siamo abituati a vedere, forse troppo. Per arricchire i modelli sono stati aggiunti anche delle protezioni aggiuntive, sigilli e stemmi capitolari che permetteranno un’ottima varietà cromatica una volta realizzati.

Perdite_Marine_dettaglio

Assemblaggio
L’assemblaggio dei modelli è buono, ogni incastro curato così da assicurare una ottima presa della colla cianacrilica, indispensabile per realizzare i modelli. Nel caso del Marine morente consigliamo comunque di imperniare il braccio al tronco onde evitare che tocchi accidentali possano far saltare il braccio dalla miniatura rovinando l’effetto finale.

Un buon set, capace di dare maggior vita al proprio campo di battaglia.

Produttore: Games Workshop
Web: Games Workshop
Prezzo: € 19,50

 

Testo e Foto: Alessandro Milini

2 commenti su “Games Workshop – Perdite degli Space Marine”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.